Danza

  • SERATE per la DANZA

    SERATE per la DANZA

    dal 28/11/2015 al 29/11/2015

    28 NOVEMBRE ore 20,30

    PASSPORT 
    di e con: Maria Teresa Tanzarella 
    voce: Joshua Korn 
    con il supporto di Raw Matters (Vienna), Tragantdansa (Barcellona), Tanzhotel (Vienna)
    grazie a Abril Salip Ventura e Andrea Dinapoli

    Un assolo con il quale poter dire: questa sono io ora. Quando comincio a pensare alla mia biografia vengo in contatto con il mio corpo emozionale. È il corpo come lo sento io (non com’è oggettivamente). 
    La biografia più completa è fatta di frammenti irregolari e resti sbiaditi. Anche la propria autobiografia. Crediamo di poter raccontare le nostre vite in modo chiaro e ragionevole, parlando di successi e obiettivi raggiunti, e, quando cominciamo, ci rendiamo conto che invece le nostre vite sono piene di zone buie, episodi inspiegati (e forse inspiegabili), scelte non fatte, opportunità perse, cose rimandate, offerte rifiutate. Sono assassino, vittima e in lutto al funerale nello stesso tempo. Ho dovuto uccidere questa parte più oscura di me, questo qualcosa che mi confonde e non posso dominare, per permettergli di trovare un posto e una dignità. Quello che è stato, è fatto anche di quello che non è stato; quello che non è stato, può ancora essere.

    (zero) WORK IN PROGRESS Cuenca/Lauro

    direzione Elisabetta Lauro
    di/con Elisabetta Lauro, César Augusto Cuenca Torres
    assistenza alla creazione Gennaro Lauro
    produzione Cuenca/Lauro Artisti Associati Sosta Palmizi
    co-produzione Associazione Sosta Palmizi, Associazione Invito alla Danza e Festival Oriente Occidente
    con il sostegno di Gruppo Danza Forlimpopoli A.S.D, Premio Outlet A.C.S. Abruzzo Circuito Spettacolo e di Permutazioni/Zerogrammi. Selezionato per la Lista Anticorpi XL 2014-15, Selezione Visionari-Kilowatt 2015.
    Progetto Vincitore Premio Equilibrio Roma 2015.

    Abbiamo lasciato andare e ci siamo lasciati andare.
    Abbiamo continuato a girare in orbita, l’uno intorno all’altro, senza avere più niente a cui tendere.
    Ci siamo ritrovati sottosopra, distanti e soli, ad un millimetro dalla terra, con il centro troppo alto e sempre meno peso. Completamente in ballo.
    Il vortice dello zero ha annullato ogni certezza, ha demolito le nostre strutture come l’uragano fa con la casa, e ci ha lasciati così, sradicati ed esposti, alieni a noi stessi e al mondo che abitiamo. Ora continuiamo a procedere a tentativi, in cerca di un punto fermo che forse nemmeno esiste, e non ci è dato fermarci. Ma in fondo anche le radici non sono mai ferme, mai fisse: esse scavano, dissotterrano, emergono, riaffondano, sconvolgono. Impenitenti ricercano. E lo stesso albero, che crede di crescere in linearità verso il cielo, ha la sua vita sotto terra in un disegno impazzito, un labirinto di direzioni. È lì che si muove il suo destino, ed è forse in questa mobilità che si realizza l’essenza di ogni essere. Nell’azzeramento, dove tutto è fugace e labile, si dispiega la vera vita che non ha forma. (E.L.)





    29 NOVEMBRE ore 20.30
    MINIFESTIVAL DELLE SCUOLE DI DANZA VIII ED.

    Luna 
    Ateneo della Danza - Simona di Domenico (Ruvo di Puglia)

    Internal Landscapes - Disorders
    Asd Dance Studio - Vita Stasolla (Santeramo in Colle)

    Dai canti di richiamo..derivò poi il linguaggio 
    Oltredanza- Tonia Laterza (Fasano)

    Composizione 
    Invito alla danza- Monica Mango (Barletta)

    Invisibili 
    Dance Academy- Alessandra Caito (Bari)

    La casa nel bosco
    Studio Danza- Claudia Drago (Bari) 


    Dettagli